Tra Usa e Cina un patto commerciale in dieci punti

0
11

Un accordo studiato e firmato in tempo record quello che disciplina una nuova era nelle relazioni commerciali tra Cina e Stati Uniti.Prima di entrare nel merito dei contenuti, vale la pena sottolinare quanto detto in partenza, cioè la rapidità con cui le due superpotenze hanno portato a termine l’intesa, che ha colto di sorpresa anche il più entusiasta degli analisti.

Occorre, infatti, considerare, che la firma è la diretta emanazione dell’incontro informale che il presidente Usa Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping hanno avuto nella prima settimana di aprile in Florida.

Poco più di un mese, dunque, quando normalmente accordi di questo tipo richiedono anni.Sullo sfondo del documento, esigenze di natura simile, ma con qualche distinguo. Se, da un lato, spicca quella di carattere prettamente economico degli Stati Uniti che, nel 2016 hanno registrato un deficit commerciale di oltre 300 miliardi di dollari, e che, fin da subito, si è piazzato ai primi posti dell’elenco di cose da risolvere nella testa del neopresidente, dall’altro, c’è l’intento di Xi Jinping di consolidare – internazionalizzandolo – il processo di svolta capitalista del suo Paese grazie a via di accesso più libera alle finanze Usa.

Carne e soldi

Per ridurre tale disavanzo sulla bilancia, Trump è riuscito a “strappare” al leader cinese la promessa scritta di consentire agli Usa di accrescere le esportazioni di gas liquefatto, di carne bovina (al bando dal 2003) e di una serie di altri prodotti – tra cui spiccano in particolare quelli hi-tech e bio-tech – oltre che di rendere molto più fluido l’accesso al mercato cinese da parte delle società che erogano servizi finanzari. Sull’altra sponda, in via speculare, gli Usa consentiranno l’export sul mercato interno della carne di pollo cotta e metteranno in atto una serie di strategie tese a rendere più semplice l’ingresso degli istituti di credito cinesi nel suo sistema bancario.

Questo articolo è stato pubblicato su panorama.it il 12/5/2017

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui